Metodologia

Come menzionato nelle Linee guida per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità (nota MIUR del 04/08/2009), «[l]a progettualità didattica orientata all’inclusione comporta l’adozione di strategie e metodologie favorenti, quali l’apprendimento cooperativo, il lavoro di gruppo e/o a coppie, il tutoring, l’apprendimento per scoperta, la suddivisione del tempo in tempi, l’utilizzo di mediatori didattici, di attrezzature e ausili informatici, di software e sussidi specifici» (pp. 17-18).

La didattica per situazioni-problema


Ecco un video per comprendere cos'è la didattica per situazioni-problema

di Michele Cucuzzella

L'apprendistato cognitivo

Nell’approccio con l’alunno disabile, la metodologia didattica dell’apprendistato cognitivo, sviluppata da Collins, Newman e Brown (1995), può essere particolarmente utile per: 1) lavorare sullo sviluppo delle competenze; 2) permettere all’alunno di avvicinarsi all’oggetto di conoscenza “con tranquillità”, avendo il tempo di interiorizzarlo passo dopo passo,
Continua a leggere

di Michele Cucuzzella

Il concatenamento e l'analisi del compito

Il concatenamento (chaining), altra metodologia molto utile nell’approccio con l’alunno disabile, prevede che le azioni complesse vengano scomposte in unità semplici.
Continua a leggere

di Michele Cucuzzella

Analisi funzionale

L’analisi funzionale (Caretto, Dibattista & Scalese, 2012, pp. 126-127) viene utilizzata per comprendere quali sono le cause scatenanti di un comportamento problematico,
Continua a leggere

di Michele Cucuzzella

Token economy

La token economy è una procedura metodologica di origine comportamentista. Si basa su un “accordo”, un “contratto educativo” tra insegnante ed alunno. Ad ogni comportamento corretto, l’alunno riceverà dei gettoni.
Continua a leggere

di Michele Cucuzzella

La comunicazione aumentativa e alternativa

La Comunicazione Aumentativa e Alternativa (Beukelman & Mirenda, 2014) include strategie (es. gesti, segni, ecc.) ed attrezzature (schede di simboli, schede alfabetiche, bottoni parlanti, sintetizzatori vocali, ecc.) che possono supportare o rimpiazzare il linguaggio verbale.
Continua a leggere

di Michele Cucuzzella

Guida fisica e modellamento tattile

Volendo considerare nello specifico delle metodologie / tecniche specifiche per la cecità, si può parlare di quelle utilizzate in ambito motorio. Lo sviluppo motorio – strettamente collegato con quello cognitivo – è una delle aree più intaccate nella disabilità
Continua a leggere

di Michele Cucuzzella

Il rinforzo differenziale

Nel rinforzo differenziale si tengono in considerazione due comportamenti target: 1) quello che si sceglie di rinforzare; 2) quello che si intende estinguere. L'estinzione di un comportamento avviene - o almeno si spera che avvenga - quando esso non riceve alcun rinforzo.
Continua a leggere